Il pericolo del file-sharing la fuga di informazioni riservate

E’ un pomeriggio come un altro… Mi ritrovo a navigare allegramente e a cercare un determinato manuale che ho lasciato a casa (non giro con i manualoni della Cisco in borsa). Dopo poco tempo di vani tentativi e qualche screzio con la posta elettronica mi viene in mente di ricercare il PDF del manuale direttamente su un server di file-sharing: ho scoperto negli anni che molte volte le biblioteche di E-Mule non hanno nulla da invidiare alle biblioteche della mia città.

Ma, lapsus freudiano, invece di ricercare “PDF” mi scappa un “PST”, probabilmente dato dal recente screzio con il programma. E da li si scopre un mondo… Già, perché decine sono gli utenti che incautamente condividono caselle di posta elettronica direttamente in file-share… E non basta: anche backup, fotografie private, database di contabilità… In breve tutto lo scibile della ditta a disposizione di chiunque…

Superato lo sgomento iniziale, e finito il paio di telefonate alle ditte interessate che esponevano i dati di fatturazione, quello che rimade della mia avventura nei meandri dell’incauto file-share è un articolo intitolato L’hacking dei sistemi utilizzando File-Sharing e richerche di Google. Al solito aspetto vostri commenti, apprezzamenti, insulti… :)

UPDATE: Una nota rivista informatica ha chiesto di esaminare l’articolo per la pubblicazione in esclusiva… Questo significa che per il momento l’articolo è stato messo in “standby”… Vi avviso non appena sarà di nuovo disponibile…

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]