Una nuova tecnologia per tracciare i visitatori

Alla luce dei dati di Jupiter Research, secondo cui nel 2004 il 58% dei navigatori web ha cancellato i cookies dalla propria macchina per evitare di essere tracciati, le maggiori società di SEM hanno iniziato a spostarsi verso tecnologie che consentano il tracciamento anche a fronte della mancanza di cookies. La soluzione trovata si basa su PIE (Persistent Identification Element) una tecnologia nata con Macromedia Flash MX che risulta in grado di tracciare l’utente anche a fronte della mancanza di un cookie (o una session) prestabilita. Macromedia ha, di contro a questo utilizzo quantomeno “particolare” creato una pagina apposita per istruire gli utenti a disabilitare PIE. Inoltre, le informazioni contenute nei PIE possono avere una dimensione decisamente maggiore a quelle contenute sei cookies. Il documento di Macromedia riporta infatti:

Applications that are created using Macromedia Flash may want to store some information on your computer, but the amount they can store is limited to 100 kilobytes unless you agree to allocate additional space. Local storage settings let you specify how much disk space, if any, applications from a particular website can use to store information on your computer. … It’s important to understand that even though this settings panel is part of Macromedia Flash Player, the information will be used by an application created by a third party. Hemmm…

Autore:

Google in UK: 5 miliardi di ricavi, 21 milioni di tasse

Stavolta niente giornali complottisti, ma direttamente il Financial Times che recita: Google’s UK operation paid £20.4m of corporation tax on its profits in 2013, according to accounts filed at Companies House on Thursday. Documents published by the parent company this year showed that the country accounts for $5.6bn of revenues. qui Estote parati.