Spyware: Dalla parte dell’attaccante

Il 29 Gennaio 2004 il Mensa Lombardia organizzava una giornata di conferenza a tema “Spyware, Computer Forensic e Pedofilia” al quale ho partecipato come relatore analizzando in dettaglio le strategie di Business alle spalle del mercato degli Spyware. In questa pagina è possibile recuperare il materiale della serata.

Abstract

Cambiano i nostri percorsi web, ci sommergono di pubblicità, ci connettono a siti di cui ignoriamo l’esistenza, ma anche si combattono tra loro, effettuano chiamate, comunicano, spediscono mail, ci osservano: sono gli SPYWARE ! “Spyware” è una parola con cui gli utilizzatori di PC hanno imparato a convivere da tempo, come da tempo si sono quasi abituati ad inenarrabili problemi per rimuoverli, aggirarli, evitarli. Ma cosa si nasconde dall’altra parte della barricata, quella dove gli spyware sono un fiornete e redditizio businness ? Come si “comprano”, qual’è il mercato, quale il modello di Business? In altre parole qual’è il motivo di una movimentazione di mercato talmente vasta da muovere major come Microsoft a installare nei loro prodotti di punta Spyware? Un’analisi tecnica e precisa dei meccanismi e dei soggetti alla base dei più famosi programmi di spyware sul mercato, delle dinamiche commmerciali, del problema visto con gli occhi dell’attaccante. Per capire chi ci cerca di controllarci ed indirizzarci e come con questo gioco accumula denaro e potere.

Download

E possibile scaricare il file ZIP contenente i materiali dellintervento e le diapositive proiettate. Il file è disponibile qui: spyware_presentazione.zip (1200 Kb).

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]