Google Earth guarda Milano

Ho avuto modo di dare un’occhiata al nuovo programma di Google, ereditato dalla acquisita KeyHole e ri-brandizzato Google Earth. Dire che sono rimasto allibito non rende minimamente l’idea… Innanzitutto il sistema è principalmente una visualizzazione 3D dell’intero globo con planimetrie particolareggiate e splendidamente curate. Per quanto mi riguarda ho potuto personalmente controllare Milano e Piazza Duomo è talmente nitida da poter contare le guglie del Duomo (si, si vede anche la madonnina dall’alto). Google Earth: Milano Piazza Duomo Lo stradario è inoltre incredibilmente particolareggiato ed offre anche nomi ed indicazione di Vie e Passaggi molte volte non ritrovabili nemmeno sulle piantine della città. Per rendere conto della precisione della mappatura fotografica realizzata da satellite basti pensare che sono facilmente distinguibili auto e relativo colore. Google Earth: Casa mia a Milano Oltre alle planimetrie fotografiche (peraltro anche abbastanza recenti, a giudicare dalle disposizioni dei cantieri) sono presenti le coordinate al metro. Ora posso passare le coordinate di casa mia agli amici gps-dotati o a coloro che devono programmare il missile terra-aria… In attesa di acquistare la versione Plus ($20) consiglio caldamente questa chicca freeware, stando però un occhio alle richieste hardware discretamente esose. Nel frattempo le immagini che vedete sono una panoramica di Piazza Duomo e di casa mia ;) Prima di scaricare meglio leggere attentamente le indicazioni nell’Area Download. AGGIORNAMENTO: visto il carico immane di download il programma BETA è momentaneamente sospeso. Ma chi, come il sottoscritto, è già attivo può continuare a girovagare per il “virtual mondo” per la gioia e l’invidia dei naviganti :)

Autore:

Bloccare i siti non fa diminuire la pirateria. Forse.

CIAO! Se non sai Chi sono e cosa faccio please leggi il disclaimer! In questi giorni sia Fulvio che Stefano hanno prodotto copiosa quantità di parole in merito ad un paper accademico pubblicato dal Institute for Prospective Technological Studies del Joint Research Center della Comunità europea che racconta come l’inibizione del sito tedesco di streaming […]