Google Earth guarda Milano

Ho avuto modo di dare un’occhiata al nuovo programma di Google, ereditato dalla acquisita KeyHole e ri-brandizzato Google Earth. Dire che sono rimasto allibito non rende minimamente l’idea… Innanzitutto il sistema è principalmente una visualizzazione 3D dell’intero globo con planimetrie particolareggiate e splendidamente curate. Per quanto mi riguarda ho potuto personalmente controllare Milano e Piazza Duomo è talmente nitida da poter contare le guglie del Duomo (si, si vede anche la madonnina dall’alto). Google Earth: Milano Piazza Duomo Lo stradario è inoltre incredibilmente particolareggiato ed offre anche nomi ed indicazione di Vie e Passaggi molte volte non ritrovabili nemmeno sulle piantine della città. Per rendere conto della precisione della mappatura fotografica realizzata da satellite basti pensare che sono facilmente distinguibili auto e relativo colore. Google Earth: Casa mia a Milano Oltre alle planimetrie fotografiche (peraltro anche abbastanza recenti, a giudicare dalle disposizioni dei cantieri) sono presenti le coordinate al metro. Ora posso passare le coordinate di casa mia agli amici gps-dotati o a coloro che devono programmare il missile terra-aria… In attesa di acquistare la versione Plus ($20) consiglio caldamente questa chicca freeware, stando però un occhio alle richieste hardware discretamente esose. Nel frattempo le immagini che vedete sono una panoramica di Piazza Duomo e di casa mia ;) Prima di scaricare meglio leggere attentamente le indicazioni nell’Area Download. AGGIORNAMENTO: visto il carico immane di download il programma BETA è momentaneamente sospeso. Ma chi, come il sottoscritto, è già attivo può continuare a girovagare per il “virtual mondo” per la gioia e l’invidia dei naviganti :)

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]