DotNetHell.it e i pietosi di tentativi di SEO Spam (Parte seconda)

Il mio articoletto DotNetHell.it e i pietosi di tentativi di SEO Spam sembra abbia avuto i suoi risultati, come si può notare dai commenti lasciati e da un bell’articoletto (che io trovo esilarante, ma sono solamente opinioni) di David De Giacomi, fondatore di DotNetHell. Stranamente, dopo i velati insulti di Marco Caruso, dello staff di DotNetHell, sembra che i tag all’interno del sito siano spariti…. Ovviamente questo non ha nulla a che vedere con l’illegalità della situazione, ed è frutto probabilmente di un fortuito caso per cui il codice delle pagine si è riscritto in modo automatico…

Rispondendo a Marco che dice:

Chi è google per dettare legge???? non mi sembra che google abbia definito uno standard internazionale.

Faccio cortesemente notare che Google lo ha fatto stabilendo le norme per il submit e la cancellazione dei siti nel suo archivio. E’ inoltre inutile rigirare sull’argomento: il motivo della presenza di tali escamotage è esattamente quello di frodare i sistemi di Ranking di Google. O volete dirmi che i link sono li perché erano belli e comodi per l’utilizzatore, essendo invisibili e trattando di argomenti che nulla hanno a che fare con DotNet? O volete ancora dirmi che “siccome lo fanno tutti è legale”?!?!?

Il link delle policies di Google in cui questo comportamento è PROIBITO è disponibile nell’articolo, e comunque è raggiungibile QUI, e consiglio allo staff di DotNetHell.it una bella, chiara e profonda lettura delle norme etiche… Perchè è di ETICA che parliamo, ocsa che sembra sfuggita un poco a tutti.

E per quanto riguarda la nomea di “sedicente giudice”, beh, grazie del complimento =] Sinceramente preferirei che chi esce con trovate bieche, abiette e illegali come questa dicesse un semplice “scusate, ho fatto una cappellata” e se ne uscisse con un sorriso, ma sembra che sempre più spesso in italia si attacchi, invece che scusarsi…

Bah… P.S. Lascio i commenti, oltre che a questi sotto anche all’URL di commenti del blog di De Giacomi. Poi ognuno, come al solito, tragga le sue scelte e conclusioni… =]

Autore:

Il nuovo sito di Confindustria è un colabrodo

Uno pensa che dopo anni di sicurezza informatica, dopo minchiate galattiche sparse per il mondo che dovrebbero aver insegnato qualcosa di Web Application Security, una PRIMARIA SOCIETA’ INTERNAZIONALE di sviluppo impari ad andare in bicicletta senza le rotelle. E invece no. Andate al nuovo sfavillante Sito di Confindustria… Ci siete? perfetto! La vedete la bella […]