Biometria e Convegno Reati Informatici e attività di Indagine

Reati Informatici e attività di IndagineGiusto un commento, in ritardissimo, per annunciare che avrò l’onere e l’onore di partecipare come relatore al convegno “Reati Informatici e attività di Indagine” che si svolgerà a Varenna il prossimo 20 Gennaio 2006 promosso dal Circolo dei Giuristi Telematici e con la collaborazione dell’Unione Avvocati Europei, di Penale.it, del Centro Studi di Diritto Penale Europeo e del Consolato Generale di Svizzera. Sul sito web sono reperibili ulteriori informazioni ed è possibile scaricare una esaustiva brochure (pdf) informativa. Il mio intervento si intitolerà “Biometria e furto di identità digitale: case study” e qui di seguito ne riporto l’abstract:

I tragici fatti degli ultimi anni, dagli attentati dell’11 settembre 2001 ai più recenti eventi che hanno coinvolto direttamente l’UE, hanno indotto una richiesta generalizzata di misure atte a incrementare la sicurezza. Nel contesto attuale l’utilizzo di caratteristiche biometriche quali impronte digitali, caratteristiche dell’iride o geometria del volto e della mano per l’identificazione o l’autenticazione dell’individuo, rappresenta l’unico strumento che è stato riconosciuto capace di consentire, sotto opportune condizioni, di certificare l’identità dei soggetti sulla base di caratteristiche uniche e non riproducibili dell’individuo.

Ma siamo veramente sicuri che tali caratteristiche siano non riproducibili? E soprattutto siamo preparati ad affrontare una situazione in cui venga a decadere la loro non riproducibilità?

Un excursus pratico nell’arte del fingerprint-forging (duplicazione di impronte digitali) al fine di dimostrare quanto sia semplice ed immediato, oltre che economico e privo di rischi, il processo di cattura, analisi e duplicazione delle impronte digitali. Un documento reale e sistematico che offre interrogativi attuali e importanti sulla correttezza formale delle svolte normative moderne.

NOTA: Durante la presentazione sarà presentato un documentario fotografico sulla duplicazione reale di impronte prelevate da un campione “live”.

Come sempre attendo fiducioso commenti e magari di incontrare qualcuno dei lettori =]

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]