Verona 24 Febbraio 2006: Privacy, ovvero come vincere la paura del 31 marzo

Locandina Questa volta con un anticipo lievemente superiore riesco ad informarvi che il giorno 24 Febbraio 2006 sarò a Verona come relatore dell’incontro “Privacy: ovvero come vincere la paura del 31 marzo” promosso dall’Unione Triveneta dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati e con il patrocinio del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Verona. L’incontro verrà presentato nell’inedito format di una chiacchierata in libertà sugli adempimenti tra Andrea Lisi, Luca Giacopuzzi , Antonio F.Rosa con interventi a cura di Franco Zumerle e del vostro Matteo G.P. Flora aperta alle domande ed ai dubbi dei partecipanti. Il mio compito istituzionale, anche tramite il valido e competentissimo supporto dell’amico e Security Evangelist Alessio “Mayhem” Pennasilico sarà “spaventare a morte” o, tecnicamente, dimostrare che le misure minime di sicurezza rappresentano effettivamente la barriera indispensabile e minimale alla sicurezza di un esercizio come quello avvocatizio. Spero di ricavarmi anche un piccolo spazio per discutere un poco più nel dettaglio la differenza tra misure MINIME di sicurezza e misure ADEGUATE. L’incontro si terrà a Verona il 24 febbraio 2006 alle ore 15,00 presso la Sala Convegni Banca Popolare di Verona e Novara - Via Zambelli 3 – Verona. L’evento è gratuito previa registrazione e conferma. Si prega di voler segnalare la partecipazione alla Segreteria dell’Unione Triveneta: fax 045 8002605 – email [email protected]. Chi infine fosse fosse interessato a porre quesiti specifici di carattere applicativo è pregato di inviare. qualche giorno prima, le domande a mezzo fax o email agli indirizzi sopra indicati. Al 24 Febbraio!

Autore:

L’Unit-Harakiri: perché l’Unità è morta

Ora, guardate l’articolo di copertina e provate ad immaginare il soggetto a cui si riferisce. Me ne vengono in mente un po’: I giornalisti (1): che nemmeno andasse della loro vita sono riusciti a creare un giornale che avesse il minimo seguito per sopravvivere; I giornalisti (2): che non hanno avuto la benché minima capacità […]