Censura-ML

Censura in Italia I casi degli ultimi tempi di Coolstreaming.us e di Calciolibero.com , oltre che l’oscuramento di oltre 500 siti web che fanno riferimento al gioco d’azzardo hanno messo in luce in modo eclatante le problematiche italiane per quanto riguarda la censura. In particolare il velo di indifferenza e di incompletezza dietro alle informazioni fornite dalla stampa italiana, oltre ai grossolani errori del “giornalismo sensazionalista”, hanno sempre più sottolineato la necessità della sistematizzazione organica delle competenze al fine di ottenere un chiaro quadro normativo e filosofico del fenomeno censorio italiano. Per fare fronte a queste necessità LastknightDotCom promuove la nascita della mailing list Censura-ML, volta a fornire una agorà telematica per la discussione tra persone con gli skill più variegati ed eterogeneri, dall’underground ai tecnici, dai legali alle forze dell’ordine sino agli attivisti e alla magistratura. Una piazza tranquilla (moderata) e super-partes dove discutere la problematica e trovare gli spazi per poter approfondire le tematiche, i progetti e le iniziative legate alla libertà di parola e di stampa particolarmente (ma non esclusivamente) sul suolo italiano. Censura in Italia

Quali argomenti trattare?

  • Anonimato Web
  • Data Retention
  • Provvediementi Censori
  • Normative di riferimento
  • Sicurezza della Navigazione
  • Posta elettronica certificata e Firma Digitale
  • Crittografia

Chi è invitato a partecipare?

  • Esperti di tematiche di sicurezza web
  • Esperti di tematiche di crittografia e steganografia
  • Esperti di sw e hw dedicato all’anonymous publishing e anonymous surfing
  • Avvocati e Magistrati legati alle problematiche di IP e censura
  • Forze dell’Ordine legate alle problematiche di **oscuramento, controllo e sequestro*
  • Attivisti della Libertà Digitale

Come partecipare?

Per iscriversi mandare una mail a [email protected] mentre l’archivio dei post precedenti è disponibile agli utenti registrati qui. Censura in Italia

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]