Seminario Libertà Digitali 27 Marzo a Cagliari

Il GULCh (Gruppo Utenti Linux Cagliari), in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica (DIEE) della Facoltà di Ingegneria e l’amico Giovanni Battista Gallus, organizza a Cagliari il 27 Marzo 2006 un seminario intitolato “Libertà Digitali: Censure e DRM vs libertà dell’utente” che consiglio vivamente a quanti avranno la possibilità di partecipare. L’Abstract in pillole:

Internet è stata percepita, per lungo tempo, come una sorta di zona franca, non soggetta a nessuna regolamentazione. Da questa prospettiva (peraltro erronea) di assoluta libertà si è passati ad una sempre maggiore ingerenza della regolamentazione, sia a livello internazionale che nazionale; questa ingerenza ha subito, in tempi recenti, un’accelerazione esponenziale. In particolare, possono individuarsi due grandi linee di tendenza: * La prima riguarda il tema della circolazione e utilizzazione delle opere dell’ingegno (in particolare, musica e video), in cui la libertà dell’utente finale viene ad essere sempre più limitata da sistemi di gestione dei diritti (i cosiddetti DRM), che hanno trovato la loro consacrazione nella EUCD (European Union Copyright directive), e nel D.lgs 68/03. * La seconda riguarda la compressione diretta della libertà in rete. Dopo i fatti dell’11 settembre sono infatti state introdotte, anche in Italia, svariate norme che tendono proprio a consentire un controllo capillare del traffico Internet, anche aldilà delle legittime esigenze di lotta al terrorismo. La tendenza al controllo di tutte le attività in rete risulta anche chiarissima dalla “Legge Prestigiacomo” – legge 6 febbraio 2006, n. 38 – in materia di pedo-pornografia, che ha previsto l’obbligo per i providers di dotarsi di filtri idonei a prevenire l’accesso a siti “pericolosi”. Oltre a ciò, si è assistito, più di recente, a veri e propri “oscuramenti” di siti non italiani, dedicati alle scommesse on-line, e ciò non sulla base di un provvedimento del giudice, ma in forza di un atto amministrativo, così come consentito da alcune norme della finanziaria 2006. Nel seminario si cercheranno di analizzare tutte queste limitazioni, valutando fino a che punto si possa ancora parlare di effettiva libertà in rete. Facoltà di Ingegneria – Dip. di Ing. Elettrica ed Elettronica Aula C Biennio (ingresso Viale Merello) Cagliari

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]