Nuovo Design, nuove opzioni, nuovo sito…

New Design Ho ricevuto qualche mail in questi ultimi giorni che mi chiedevano dove fossi finito. A parte il silenzio stampa che mi ero auto-imposto ho utilizzato il mio tempo per ridisegnare completamente Lastknight Dot Com in pura ottica Web 2.0. Il nuovo design, mutuato da decine di WebLogs di successo, copia pedissequalmente una serie di interessanti funzionalità che ho ritrovato spesso in tutti i siti di maggior successo.

La transizione alla nuova piattaforma è stata dettata principalmente dall’esigenza di ottenere un sito web decisamente più fruibile in tutte le sue componenti, che esaltasse (come prima non accadeva) le oltre trecento pagine che lo compongono e che contengono interessanti spunti seguiti ormai da centinaia (400, per la precisione) di lettori. L’obiettivo principale è stato quello di fornire una navigazione più immediata in TOP, una navigazione alternativa strettamente tematica in laterale ed informazioni aggreganti come “community” come ad esempio gli ultimi commenti ed i trackback. Innanzitutto credo che la cosa più vistosa da notare siano le bande a destra; vi sono una serie di funzioni aggiunte ed innovative tra le quali:

  • L’elenco degli articoli più popolari pubblicati
  • Le date ed i titoli delle prossime conferenze
  • Gli utlimi siti aggiunti a Del.icio.us (in vece dei “siti del giorno”)
  • Gli ultimi commenti lasciati
  • I trackback di Blog che mi hanno citato

In secondo luogo spero che la presenza delle date a cui parteciperò siano di incentivo per qualcuno di voi per venirmi a vedere e trovare e magari per fare quattro chiacchiere insieme.

Per quanto riguarda il paradigna del Web 2.0 credo che troverete interessanti le integrazioni con Flickr in alto, la presenza di LightBox per la visione delle immagini (provate a cliccare su di quella proposta), l’integrazione con Delicious, la totale immersione dei Feed in FeedBurner.

La soluzione trovata, lungi dall’essere completa, è sicuramente perfettibile e nel caso troviate qualunque tipo di problema vi invito a lasciare un commento o contattarmi , magari anche solamente per farmi capire se apprezzate o detestate la nuova veste o se, come me, guarderete con una velata lacrimuccia il venerando ma splendido design della vecchia veste…

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]