Di coltellate, sicurezza ed omonimie…

Certo adoro il mondo della Sicurezza Informatica italiano, e certo lo dimostrano le decine di conferenze che tengo oltre alla mia attività sia espressa in questo blog sia come OPSI. Credo fermamente nelle potenzialità della community italiana di esperti, siano essi hackers, forenser o anche solamente semplici “smanettoni” e sono convinto che il mercato di settore non possa fare altro, negli anni, che crescere ed offrire nuove ed importanti opportunità per tutti gli operatori. Ma c’è qualcosa nel panorama della Sicurezza italiana che va assolutamente fugato sul nascere, una serpe infida e strisciante che ne mina la comunità alla base: la calunnia diffamazione (grazie Fede… Ne avresti anche tu da raccontare…)

Sempre più spesso assisto ad episodi che definire spiacevoli è sicuramente troppo poco e che vertono allo screditamento di tizio o caio semplicemente con apprezzamenti volgari, mezze verità riportate così in punta di lingua o di mail, o anche semplicemente sussurrate all’orecchio, magari aggiungendo un “ovviamente io non ti ho detto nulla, intesi?“. Sembra che nella comunità sempre più persone, dall’accademico al membro di associazione al professionista o smanettone si ritrovino non tanto a confrontarsi e/o a discorrere, ma ad attaccarsi l’un l’altro quasi non fosse necessario mostrare le proprie doti o quelle della propria società quanto screditare le altre società o persone in uno strano gioco al ribasso.

E così ci si trova in situazioni come la mia questa sera, in cui si devono “giustificare” dati assolutamente corretti per via di voci, scritti e strani giri di parole diffamantorie. Il fatto è, di per sè, molto semplice: ho iniziato la mia “carriera” nell’IT dirigendo la parte tecnica di una piccola società milanese (la MediaService S.r.l., poi rinominata Media&Service e intestataria del dominio MediaService.it) e mi trovo a dover motivarne la presenza il mio profilo LinkedIn e a dover specificare che NON si tratta di MediaService Srl di Raoul Chiesa. Che, tra l’altro, è nata (vedi sito web) nel 1997 mentre io stesso ho registrato il dominio MediaService.it ben prima, il 26 Gennaio 1996. Ma sono dettagli che chi vuole malparlare per il gusto di fare non guarda. E subito sparge la voce dicendo che mi voglio arrogare chissà che ruolo in MediaService Srl.

E così Raoul oggi mi contatta per chiedermi chiarimenti, soprattutto visto il rapporto di reciproca stima che ci lega (e a ragione, visto che comunque del panorama hacker italiano Raoul è stato uno degli artefici più illustri!). Risultato finale tante risate, reciproco stupore di fronte all’omonimia e un pizzico di rancore verso chi (non certo lui) ha cercato di usare la cosa per screditare alla faccia di tutto e tutti. Che dire? Beh, che forse è ora di puntare un poco tutti verso l’alto in un ottica che sostituisca alle piccole faide da cortile una avanzata compatta dell’intero comparto della Sicurezza IT Italiana…

Ma questi, ovviamente, sono solo i my 2 centsUPDATE: A controllare gli IP di chi guarda LastKnight.com ma soprattutto MatteoFlora.com saltano fuori interessanti notizie in merito ad aziende e location geografiche… Sicuramente dati interessanti… UPDATE 2: Ma certa gente fa Social Engineering solamente leggendo questo articolo? Cos’è, il Social Engineering del Grande Puffo?!?

Autore:

Google in UK: 5 miliardi di ricavi, 21 milioni di tasse

Stavolta niente giornali complottisti, ma direttamente il Financial Times che recita: Google’s UK operation paid £20.4m of corporation tax on its profits in 2013, according to accounts filed at Companies House on Thursday. Documents published by the parent company this year showed that the country accounts for $5.6bn of revenues. qui Estote parati.