8 Febbraio, InfoSecurity 2007 – come eludere i controlli di polizia

Censura Probabilmente le quasi denunce per “istigazione a delinquere” della celebre conferenza di Varenna non mi sono bastate o, probabilmente, ancora una volta mi sento in dovere morale di mostrare l’ipocrisia del Legislatore e della Pubblica Amministrazione di fronte ai temi del Controllo (o supposto tale) di Internet. Avevo già mostrato come alcune misure cautelative nei confronti dei siti di scommesse potessero essere ottuse ed inutili, ma l’entrata in vigore del Decreto Gentiloni ha fatto ancor più sprofondare la Pubblica Amministrazione nel baratro del più totale ridicolo. E quindi eccomi ancora qui, ma questa volta a proporvi uno spettacolo che si annuncia sicuramente foriero di grande divertimento e sicuramente destinato a fare un poco più di rumore nell’ambito italiano di quanto tto se attuata con i mezzi attuali)* e se volete assistere forse alla più complessa e approfondita conferenza che abbia mai preparato vi consiglio vivamente di seguirmi in questa fatica: prometto che non ve ne pentirete… Tra i punti del giorno: * Come un criminale elude i sistemi di blocco dei DNS Monopoli di Stato (ina serie di metodi…) * Come un criminale elude i sistemi di blocco degli IP del Decreto Gentiloni * Come un criminale elude i log files dei provider atti a segnalare accesso a siti pedopornografici * Come un criminale perpetra reati informatici incolpando ignari terzi * Come un criminale elude il controllo dei files nel proprio Personal Computer in caso di controllo Tutte queste operazioni saranno attuate in regime di Full Disclosure (come se ce ne fosse bisogno e le tecnologie non fossero alla portata di chiunque) e con dimostrazioni pratiche.

E forse stavolta qualcosa si smuoverà anche alle alte sfere e si capirà che la limitazione della libertà per puro piacere di controllo non solo è una manovra esecrabile, ma soprattutto una misura assolutamente inutile per contrastare i fenomeni che tanto si danno in pasto alla Stampa ed alla Opinione Pubblica, nel vano tentativo di fare passare un regime di Grande Fratello come una misura necessaria per tutelare una Salute e Sicurezza pubblica che in realtà nulla ha a che fare con le misure stesse.

Appuntamento quindi l’8 Febbraio a InfoSecurity presso Fiera Milano City alle ore 15.30. Per aggiornamenti ed eventuali comunicazioni dell’ultima ora è possibile iscriversi alla lista di notifica utilizzando il box presente in alto a destra nella pagina. Contro la censura esiste una sola arma: la verità.

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]