Grazie mille!

Intanto che attendo nuove dall’amico Rebus sul filmato videoregistrato (e mi farebbe piacere avere news anche dal videoamatore segreto che si è posizionato vicino alla colonna) volevo cogliere l’occasione per ringraziare tutti i lettori che sono sopraggiunti numerosissimi alla Conferenza a InfoSecurity.

Devo dire che vedere l’area demo così gremita è sicuramente una esperienza esaltante e spero proprio che molti di voi abbiano apprezzato il tema e lo svolgimento dello speech…

Le slide saranno a breve disponibili sul sito di Sikurezza.org e il filmato (se la qualità dell’audio lo permetterà) non appena passata la necessaria fase di editing ed encoding…

Per il resto vorrei ringraziare in ordine sparso:

  • L’amico Rebus perché senza di lui buona parte delle slide non esisterebbero. Inoltre si è rivelato spalla invidiabile durante la manifestazione, oltre che ottimo (speriamo) cameraman!
  • Sikurezza.org per lo spazio concessomi
  • Tutti i ragazzi del M1S3c per il supporto ;)
  • I membri di AIP ed OPSI presenti (Alessandro Frillici, Paolo Giardini, Alex Visintini, Pierlorenzo Castrovinci, Nicola, etc…)
  • DelyMyth per il provvidenziale MacBook Pro prestato quando il mio MackBook ha deciso di non vedere il monitor
  • Daniele Minotti per il Post e per aver invitato alla mia conferenza i suoi ascoltatori durante il suo speech
  • Raoul Chiesa per avere fatto altrettanto durante il suo corso di Social Engineering
  • Zen per avermi dato una mano in un attimo di panico e per aver shrinkato il suo speech “per non andare lungo
  • Vecna per i commenti a fine conferenza
  • Dave Wichers per le chiaccheirate in inglese su OWASP
  • Naif, Marco Calamari, Stefano Zanero, per la compagnia :)

Più tutti quelli che ho scordato e che aggiungerò al post dopo la pubblicazione! Grazie a tutti!

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]