Carico e Scarico – quando il web 2.0 incontra i media 1.0

Carico e Scarico Come sapete Lastknight.com ha anche la funziona di incubatore di nuove idee e progetti, soprattutto quando qualcuno mi chiede cosa ne penso di talune iniziative. Non possedendo una televisione mi sembra sempre difficile commentare show televisivi, ma stavolta ho fatto uno strappo alla regola e mi sono guardato uno strano programma su AllMusic.tv: Carico e Scarico.

Premettiamo che probabilmente sono almeno un poco di parte, conoscendo una interessantissima redattrice del programma (no, sfortunatamente non sono stato corrotto…) ma ho trovato il setting molto piacevole e soprattutto particolarissima l’idea che il paradigma dell’UGC (User Generated Content) che caratterizza l’avvento del Web 2.0 sia stato preso a modello per il programma da parte del media 1.0 per definizione: la televisione.

Il programma infatti presenta contenuti dei singoli utenti in una veste di programma di intrattenimento con un meccanismo di rating che porta a un guadagno di punti per il video di maggior successo. I contenuti sono suonerie, filmati e wallpaper e l’offerta sinora presentata non ha, secondo me, l’intero potenziale della rete

Che dire, quindi? Perchè non prendere la palla al balzo e popolare con contenuti sempre più accattivanti il sito web del programma? Perchè non fare sentire nel web 1.0 la voce del web 2.0?

La pagina di registrazione per l’invio è qui, questo è il regolamento e sinceramente penso che la comunità del web sia sicuramente più in gamba dei contenuti presenti sinora ;) Peccherò di arroganza ma popolo del Web 2.0, avanti!

Per maggiori informazioni su UGC e Web 2.0: * La voce di Wikipedia relativa al Web 2.0. * Il Saggio di Openarea scaricabile in PDF * L’articolo di Tim O’Rielly che ha dato vita al termine Web 2.0 * L’articolo sulla Folksonomia su Wikipedia

Buon divertimento e fatemi sapere ;)

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]