Di tante tante cose…

Carissimi,

mi succede molto, molto raramente di scrivere ad oltre duemila contatti ed ogni volta mi accingo a farlo con un poco di timore reverenziale… Siete tantissimi, molti più di quanti mi aspettassi, ad essere iscritti e leggere quello che posto su LastKnight.com e ancora di più a leggere queste righe che vi mando alla Newsletter (e che posterò anche sul Blog quindi utenti del blog iscrivetevi se vi interessasse…).

Avrete notato, negli ultimi mesi, un cambio di tendenza, quasi un cambio di rotta. Non scrivo più molto spesso e quando scrivo lo faccio da arrabbiato. E comunico lo stretto indispensabile solamente. E’ normale, succede a tutti di tanto in tanto di fermarsi e cercare di capire “cosa si farà da grandi”. Succede ed è successo anche a me. E la risposta? Nessuna, per ora, ma un circostanziato e preciso check della realtà, una presa di coscienza di quello che ho fato e che sto facendo.

In realtà tante cose sono cambiate nella vita di tutti i giorni e tante altre stanno cambiando anche nella sensibilità comune che (forse) vede nascere un piccolo sussulto di autostima delle masse, un piccolo singulto di orgoglio, un minuscolo granello di autodeterminazione. Certo, devo dire che quasi sempre questi sussulti, vedi quelli moderni, sono fomentati da agitatori di popolo, da orchestratori di masse, ma cosa c’è di male nel mestolo che agita lo status quo?

E quindi? Quindi soccombere a tutto quelli che lo stato cerca di propinarci (dalla censura al controllo incondizionato, dalla privacy abolita alle telecamere imperanti) sapendo bene che il 98% della popolazione ignora questi problemi e queste tematiche? E’ stata certamente un’idea. Sono stato ad un passo da mandare “a ramengo” tutto e tutti e a cercare un altro lavoro, magari di nuovo in quel Marketing verso cui sono tanto portato e che mi diverte sempre un sacco. Ma poi sono stato ad un po’ di manifestazioni e ho visto un sacco di gente che non sapeva dove andare. Ragazzi in gamba. Qualche tempo fa ho chiesto una mano sulle pagine del Blog, quasi più per nostalgia verso progetti che ritenevo ormai morti e a cui ero affezionato, più che per attendermi veramente una risposta, ed invece ho ricevuto decine di adesioni. Persone che hanno un sacco di voglia di fare, che vogliono mettersi in gioco e che semplicemente non sanno operativamente cosa fare.

E nello scorso weekend mi sono deciso a rimettere in sesto tutto e a cambiare un poco direzione. Se dovrò fare l’agitatore di masse farò l’agitatore di masse, e quando qualcuno di voi aficionados di vecchissima data (alcuni sono iscritti da più di tre anni) vedrà questi miei exploit vi prego di prenderli con un sorriso bonario o sornione, di quelli che fate quando avete capito veramente cosa c’è sotto.

E quindi? E quindi nuovo look del sito (spero ve ne siate accorti) e quindi nuovo sistema di Newsletter che parte da stanotte. Non vi preoccupate, non ho intenzione di spammarvi ad oltranza, tutt’altro… Riceverete una mail sola notturna se e solo se scriverò dei post.

E se mi conoscete sapete che raramente scrivo un post al giorno :)

L’ho chiamata Nightly LastKnight, per prendere un poco in giro il famoso Daily Dave, su consiglio di un caro amico. Potrete disiscrivervi quando vorrete e riceverete le ultime news tutte assieme, in un’unica mail. Questo mi consentirà di scrivere più post di dimensione minore senza affollarvi la mail con due o tre messaggi al giorno di Notify. Inoltre mi consentirà di gestire più agilmente in modo decentralizzato gli invii e i bounce che stavano massacrando il vecchio provider…

Per chi non potesse assolutamente attendere la notte e volesse avere ANCHE la notifica in tempo reale di tutti i messaggi (siete sicuri?!?!) rimane sempre e comunque la possibilità di usare i Feed RSS:

http://www.lastknight.com/feed

Certo, questo è il più stupido dei cambiamenti… Vedrete presto online materiale forse un po’ più forte di quello finora presentato, e vedrete le slide di tutte le presentazioni. Ci sono cose che vanno dette e che non ho discusso perché non credevo ne valesse la pena. Come sapete non sono un grande scrittore e scrivere post mi pesa particolarmente in questo periodo, in cui la testa è presa da mille faccende. Ma non importa.

Vedrete anche online sempre più progetti che richiederanno la vostra collaborazione: se sono destinati a fallire o vivere dipenderà anche e soprattutto da voi e da quanto terrete alle varie iniziative.

Altre news (vi mando una mail all’anno, che almeno sia corposa!) riguardano i prossimi appuntamenti:

  • Il 26 Settembre alle 17.30 parlerò a VON a Roma. Terrò uno speech sul survey wireless cittadino di Milano.
  • Il 29 Settembre alle 16.00 parlerò ad HackIt 2007 a Pisa di Censura, in un talk “tagliato” per HackMeeting.

Mi preme anche sottolinearvi che il questo Giovedì 27 Settembre a Milano in Via Varanini presso CorsiSoftware Yvette Agostini terrà alle 15 ed alle 18 la presentazione del corso di 32 ore di Pragmatic Security: Attack e Defense che terrò a sei mani con lei e Fabio Pietrosanti. Il corso sarà gratuito nell’ambito dei finanziamenti per la formazione continua dei dipendenti e ve lo consiglio fortemente: sarà l’occasione per imparare in pratica la sicurezza informatica come attacchi e difesa, con ampie sessioni HandsOn propostevi dagli esperti (loro due, ovviamente, non il sottoscritto ;))

Potete trovare maggiori informazioni al sito:

http://www.corsisoftware.com/pdf/pragmaticsecurity.pdf

Credo che sia tutto, e per una mail informale direi che è sin troppo. Che dire? Fatemi sapere cosa ne pensate, veramente. Tengo questo Blog soprattutto per VOI e mi farebbe piacere sapere se siete iscritti perché finisco in SpamBox e quindi non vi importa più nulla o perché leggete quello che vi propongo :)

Non rimane altro che dire che ci sarà da divertirsi e che non so ancora se questa nuova veste mi va larga, stretta o a pennello. Chi lo sa? Forse devo solo fare passare un po’ di tempo.

Un saluto, un sorriso ed una stretta di mano.

MgpF

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]