Gabriele Romagnoli, ma vedi di andare *********!

La generazione You Tube non è pericolosa perché usa questo mezzo, ma perché manda un messaggio: “Guardami, sono solo, non ho niente da dire, ma dedicami la tua attenzione, ascoltami, leggimi, comprami o ti sparo e poi, forse, mi sparo”.

Raro esempio di ignoranza, arroganza, supponenza e soprattutto giornalismo spazzatura nell’articolo “YouTube Generation” dello scrivitesti noto a nome Gabriele Romagnoli su Repubblica del 9 Novembre.

E la sua biografia è una cosa assolutamente da leggere:

Gabriele Romagnoli è nato a Bologna nel 1960. Giornalista e scrittore, è stato inviato per due anni de La Stampa negli Stati Uniti, occupandosi più volte della questione della pena di morte. È editorialista de La Repubblica e collabora con molte riviste e quotidiani. Ha esordito nella narrativa nel 1993. È anche autore di alcune sceneggiature di fiction televisive, tra cui Uno Bianca e Distretto di Polizia con Marcello Fois, che hanno riscosso un notevole successo di pubblico e critica.

A Gabrié, vedi di tornare a fare televisione spazzatura e a non rompere le scatole con tanta immondizia cartacea al popolo del Web, và… Davvero…

Torna dove sei di casa: tra le fiction dell’orpello principe dell’old-media e tra le cose vecchie di cui sai parlare.

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]