Achmed, il terrorista morto

Voi fate un po’ come credete, ma io sono almeno 9 minuti che rischio di capitombolare dalla sedia dal ridere. C’è da riflettere come la definizione di “satira” sia differente nel nostro paese ed in USA. E qui da noi hanno ancora una volta censurato Luttazzi per qualche battuta su Ferrara. Ora, sinceramente detesto Luttazzi quando fa il volgare, mi infastidisce fisicamente, ma da qui a censurarlo… Ecco, forse mi permetterei di dire che se la satira facesse ridere invece di essere puro insulto si potrebbe più facilmente riuscire ad utilizzarla efficacemente. Ma per Luttazzi la sua opera è Arte ed io non sono nessuno per obiettare. Sono troppo ignorante in materia.

E qui mi ritorna in mente quello di cui parlo spesso sulla necessità di mantenere libera ed incensurata la rete. Il filmato del mio intervento a InfoSecurity 2007 lo trovate ancora online, e nel caso non aveste ancora provveduto a dare un’occhiata penso che questo sia il momento giusto per farlo…

E tornano in mente un paio di citazioni:

“Chi è disposto a sacrificare la propria libertà per la sicurezza, non merita nessuna delle due e finirà per perdere entrambe.” (B.Franklin)

E anche:

“….non condivido le tue idee, ma mi batterò fino alla morte perché tu possa continuare ad esprimerle….” (Voltaire)

E come direbbe l’amico Melica: Estote parati!

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]