Italians Do It Better: Truecrypt su MAC grazie a OsxCrypt

Italians Do It Better E’ vero, siamo un paese di Bamboccioni. Ci lamentiamo sempre, siamo sempre scontenti e siamo pasticcioni. A volte.

Già, perché diamine, quando ci muoviamo siamo irrefrenabili. Quando ci muoviamo, noi Italiani (con la maiuscola, prego) facciamo gli spettacoli più impensati.

Come questa volta: anni e anni passati io e Naif a chiedere al team di sviluppo di TrueCrypt di uscire con una versione MAC. Anni a contattarli, a proporre soldi, a proporre sottoscrizioni ed un’unica risposta: “picche finché non vogliamo noi“. Nulla, ad attendere e senza poter utilizzare il prodotto su MAC. E quindi che abbiamo fatto? Nulla, se non muoverci noi.

E a Ottobre su Fundable si apriva la ricerca di fondi: 1500 dollari per riuscire a pagare un programmatore esperto, qualcuno che portasse a termine un porting della applicazione. Non solo, ma che facesse la cosa in Open Source. E che predisponesse un Framework in grado, all’occorrenza, di essere semplicemente adattato ad altre differenti tecnologie di encrypt su File, come ad esempio Luks e DM-Crypt.

E qui abbiamo trovato prima il developer, il poliedrico (italianissimo) Orlando, e dopo tanti piccoli passi oggi si pubblica la versione Alpha di OsxCrypt. Italianissima. Battendo sul tempo un Truecrypt.org che in fretta e furia ha scritto la data di Gennaio 2008 come data di rilascio, in una corsa sul tempo.

Siamo grandi, noi piccoli Italiani, quando ci muoviamo. Grandi veramente.

Grazie Fabio, grazie Orlando. Ci siamo riusciti!

E voi godetevi il Tutorial tenuto dal sottoscritto. E scaricatevi il software. E date un occhio al progetto in generale: OsxCrypt. E già che ci siete date un occhio a chi ha sponsorizzato: è anche lì pieno di italiani.

Happy Secrets!

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]