MP3 legalizzati e Slashdot

Non capita spesso di vedere l’Italia in prima pagina di Slashdot:

According to Italian lawyer Andrea Monti, an expert on copyright and Internet law, the new Italian copyright law would authorize users to publish and freely share copyrighted music (p2p included). The new law, already approved by both legislative houses, indeed says that one is allowed to publish freely, through the Internet, free of charge, images and music at low resolution or “degraded,” for scientific or educational use, and only when such use is not for profit. As Monti says in the interview, those who wrote it didn’t realize that the word “degraded” is technical, with a very precise meaning, which includes MP3s, which are compressed with an algorithm that ensures a quality loss. The law will be effective after the appropriate decree of the ministry, and will probably have an impact on pending p2p judicial cases.

MusicaLibera Ovviamente parla della legge citata nell’ormai famoso articolo di Repubblica che molti hanno commentato. Ma è comunque interessantissimo vedere come anche Slashdot riprenda uno degli strafalcioni più clamorosi della legislatura tecnica italiana…

Il discorso è in realtà molto semplice e si riassume in un paio di punti: * Per legge è possibile riprodurre su web a scopo non commerciale immagini e musica con qualità volutamente degradate * L’MP3, per definizione, è un sistema di codifica data lossy e quindi che degrada la qualità * Ne deriva che pubblicare online MP3 a fini non commerciali è perfettamente legale

Ovviamente per Online si intende anche via P2P e quindi moltissime cause dovranno essere ridiscusse.

Interessante…

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]