Forza, Microsoft! Avanti!

Non avrei mai pensato di dire una frase come questa, ma “Avanti, Microsoft! Forza!” mi sembra l’unica cosa da dire contro l’arrogante, supponente e francamente vomitevole statement di Google in merito al possibile Takeover di Yahoo da parte di Microsoft:

So Microsoft’s hostile bid for Yahoo! raises troubling questions. This is about more than simply a financial transaction, one company taking over another. It’s about preserving the underlying principles of the Internet: openness and innovation. Could Microsoft now attempt to exert the same sort of inappropriate and illegal influence over the Internet that it did with the PC? While the Internet rewards competitive innovation, Microsoft has frequently sought to establish proprietary monopolies — and then leverage its dominance into new, adjacent markets.

Evil Google Un colosso che finanzia la censura in Cina, che sembra fregarsene bellamente della privacy degli utenti tanto da suscitare per ben due volte le ire del Garante della Privacy e della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo non credo proprio sia in condizione di sputare sentenze.

Yahoo da solo è inutile come motore di ricerca, MSN pure, quindi ben venga una unione per arginare tanti problemi di Google che nascono prevalentemente dalla posizione di monopolio della ricerca web (e penso a click scam e censura contenutistica in primis) e mettere una seria competizione sul nostro Grande Fratello del Web.

Avanti, Microsoft!, quindi. Tanto avere politiche di privacy peggiori di quelle di Big G (che già ha più dati della National Security Agency americana) sarà complesso.

Forse impossibile.

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]