Su SecondLife sono tutti Terroristi

Ritengo molti, molto interessante l’articolo sul Washington Post che riguarda le attività della IARPA (Intelligence Advanced Research Projects Activity) sui mondi virtuali e le relative problematiche di anonimato e sicurezza.

Il concetto è abbastanza semplice: mondi come SecondLife e come W.O.W. sono sicuramente un ottimo luogo di ritrovo per l’organizzazione e la gestione di eventuali attacchi terroristici, proprio in virtù della loro predisposizione all’anonimato ed alla delocalizzazione.

In questo ambito si fondano quindi gli studi della IARPA , primo tra tutti quello di controllo, in coppiata con la CIA , delle attività online e la creazione di sistemi atti alla profilazione ed all’investigazione in contesti “virtuali”.

Quindi, al solito, siccome eventualmente qualcuno commetterà illeciti o reati, TUTTI sono controllati a vista, nella più normale infrazione delle norme di privacy che l’informatica odierna ci ha insegnato ad accettare… Ma di questo prometto, parlerò presto.

(via Slashdot)

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]