Su SecondLife sono tutti Terroristi

Ritengo molti, molto interessante l’articolo sul Washington Post che riguarda le attività della IARPA (Intelligence Advanced Research Projects Activity) sui mondi virtuali e le relative problematiche di anonimato e sicurezza.

Il concetto è abbastanza semplice: mondi come SecondLife e come W.O.W. sono sicuramente un ottimo luogo di ritrovo per l’organizzazione e la gestione di eventuali attacchi terroristici, proprio in virtù della loro predisposizione all’anonimato ed alla delocalizzazione.

In questo ambito si fondano quindi gli studi della IARPA , primo tra tutti quello di controllo, in coppiata con la CIA , delle attività online e la creazione di sistemi atti alla profilazione ed all’investigazione in contesti “virtuali”.

Quindi, al solito, siccome eventualmente qualcuno commetterà illeciti o reati, TUTTI sono controllati a vista, nella più normale infrazione delle norme di privacy che l’informatica odierna ci ha insegnato ad accettare… Ma di questo prometto, parlerò presto.

(via Slashdot)

Autore:

Non abbiamo bisogno di Scienziati Rockstar (ma di vedere la scienza)

Su “provocazione” di Yvette mi sono ritrovato stamani di fronte una citazione di Brian Greene su cui mi trovo in totale disaccordo: “When kids look up to great scientists the way they do to great musicians and actors, civilization will jump to the next level” ― Brian Greene In altre parole Greene sostiene che l’umanità […]