Su SecondLife sono tutti Terroristi

Ritengo molti, molto interessante l’articolo sul Washington Post che riguarda le attività della IARPA (Intelligence Advanced Research Projects Activity) sui mondi virtuali e le relative problematiche di anonimato e sicurezza.

Il concetto è abbastanza semplice: mondi come SecondLife e come W.O.W. sono sicuramente un ottimo luogo di ritrovo per l’organizzazione e la gestione di eventuali attacchi terroristici, proprio in virtù della loro predisposizione all’anonimato ed alla delocalizzazione.

In questo ambito si fondano quindi gli studi della IARPA , primo tra tutti quello di controllo, in coppiata con la CIA , delle attività online e la creazione di sistemi atti alla profilazione ed all’investigazione in contesti “virtuali”.

Quindi, al solito, siccome eventualmente qualcuno commetterà illeciti o reati, TUTTI sono controllati a vista, nella più normale infrazione delle norme di privacy che l’informatica odierna ci ha insegnato ad accettare… Ma di questo prometto, parlerò presto.

(via Slashdot)

Autore:

L’Unit-Harakiri: perché l’Unità è morta

Ora, guardate l’articolo di copertina e provate ad immaginare il soggetto a cui si riferisce. Me ne vengono in mente un po’: I giornalisti (1): che nemmeno andasse della loro vita sono riusciti a creare un giornale che avesse il minimo seguito per sopravvivere; I giornalisti (2): che non hanno avuto la benché minima capacità […]