Forse ci lasciano fare il nostro lavoro: 615 e Sicurezza Informatica

Sembra che alla fine ci stiamo arrivando ed è grazie a Pietro Folena e non solo che in Commissione e’ passata una modifica al ddl C. 2807 sui ciber crimini (ratifica della Convenzione di Budapest). Si tratta, in particolare, dell’art. 615-quinques c.p. gia’ previsto dal nostro Codice, appunto, ma che per necessita’ di ratifica si vuole/deve modificare:

Chiunque, allo scopo di danneggiare illecitamente

un sistema informatico o telematico, le informazioni, i dati o i programmi in esso contenuti o ad esso pertinenti, ovvero di favorire l’interruzione, totale o parziale, o l’alterazione del suo funzionamento, si procura, produce, riproduce, importa, diffonde, comunica, consegna o, comunque, mette a disposizione di altri apparecchiature, dispositivi o programmi informatici, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa dino a euro 10.329”

Come dice il sempre illuminante (in certi argomenti, non ti montare la testa ;)) Daniele Minotti in un post:

Come ci spiega il parlamentare, il pericolo scampato starebbe nell’esclusione di sanzioni penali per chi della sicurezza informatica (in particolare, dello studio dei malware) ne fa professione o studio non dannoso (e non stupido e vandalico diletto).

Che dire? Probabilmente potrò continuare a fare quello che faccio con un po’ meno paura… :)

Autore:

Non abbiamo bisogno di Scienziati Rockstar (ma di vedere la scienza)

Su “provocazione” di Yvette mi sono ritrovato stamani di fronte una citazione di Brian Greene su cui mi trovo in totale disaccordo: “When kids look up to great scientists the way they do to great musicians and actors, civilization will jump to the next level” ― Brian Greene In altre parole Greene sostiene che l’umanità […]