Matteo G.P. Flora bio photo

Matteo G.P. Flora

Mi occupo di Analisi e Protezione della Reputazione Online con la mia azienda, oltre che di comunicazione e sicurezza tra Dharma & Data.

Twitter

Facebook

Google+

LinkedIn

Instagram

Github

Bisogna essere deficienti forte...

…per andarsene al seggio e FOTOGRAFARE…

FOTOGRAFA SCHEDA CON CELLULARE, DENUNCIATO
Un elettore che stava cercando di fotografare la propria scheda con un cellulare e’ stato scoperto e denunciato dai carabinieri, secondo le recenti norme emesse dal Governo. L’episodio e’ avvenuto stamani a Mortegliano (Udine). L’uomo, I.D.V. 28 anni, del luogo, e’ stato scoperto dal presidente del|seggio all’interno della cabina. I militari della stazione di Mortegliano lo hanno denunciato e gli hanno sequestrato il cellulare.

Ma non solo:

FOTO A SCHEDA CON CELLULARE, DENUNCIATO A SIRACUSA
La Digos di Siracusa ha denunciato un giovane di 23 anni trovato, dal presidente del seggio elettorale, nella cabina, mentre fotografava la scheda con il cellulare munito di fotocamera. E’ accaduto nella sezione elettorale numero 14 di via Teramo, nel quartiere della Borgata. La Digos e’ stata avvertita dai finanzieri in servizio al seggio, a cui il caso era stato denunciato dal presidente, che si e’ accorto che l’elettore aveva scattato una foto alla scheda. L’immagine, poi, e’ stata trovata nella memoria del cellulare che e’ stato sequestrato.

Ora: considerando che il Presidente di seggio non entra nella cabina elettorale e che normalmente ci posso stare anche lunghi tempi, significa che questi deficienti hanno fatto una fotografia con l’audio acceso, unico modo per essere beccati dal Presidente stesso. Che dire? Speriamo ferocemente nei Darwin Awards.

La fonte? un noto quotidiano che inizia per R ma che non linko visto che sembra endemicamente affetto dalla mania di non linkare niente e nessuno. Spero proprio che il dio dei blogger procuri al “giornalista” DANIELE SEMERARO e alla sua incapacità di linkare una buona permanenza settimanale sulla tazza del WC.

ADDENDUM: Mi segnalano che l’articolo è disponibile anche qui