Matteo G.P. Flora bio photo

Matteo G.P. Flora

Mi occupo di Analisi e Protezione della Reputazione Online con la mia azienda, oltre che di comunicazione e sicurezza tra Dharma & Data.

Twitter

Facebook

Google+

LinkedIn

Instagram

Github

Fascisti Ciellini, Cristo Storico e i Massacri della chiesa...

Se avete qualche minuto e volete farvi qualche sonora ghignata potete iniziare a leggere il commenti al vecchio post “E se Gesù Cristo non fosse mai esistito”…

Calcolate che una buona parte dei commenti li sto moderando e sembrano arrivare direttamente da IP facenti capo a domini un po’ sospetti di piccoli stati religiosi… :)
MNi sto divertendo tantissimo con veri imbecilli doc© come tal:

Maurizio Casadidio (IP: 151.51.30.134 , adsl-ull-134-30.51-151.net24.it)
E-mail : [email protected]

Che scrive:

Io penso che questo Matteo Flora sia il classico cretino anonimo che si nasconde nel mondo virtuale per sparare cazzate a getto continuo. Comunque penso che il suo ridicolo ed insulso sito andrebbe chiuso, perché offensivo della fede di miliardi di persone e della dignità umana.

Eccovi mostrato in pieno il vero cristiano: quello che insulta e vuole la ovvia censura. Mi è andata bene, avrebbe potuto volermi massacrare come d’uso ormai sistematico nella chiesa cattolica. E visto che si parla di dignità umana la chiesa cattolica ne ha ben poca: appena ebbero finito di essere perseguitati i cristiani iniziarono a imporre con la forza la loro religione.

Iniziarono una conversione sistematica di tutte quelle tribù barbare di religione pagana. Erano conversioni portate con la forza, con la spada e finivano quasi sempre con morti e sangue. Un episodio significativo e quello di Carlo Magno che nel 782 fece decapitare 4500 Sassoni che avevano rifiutato di convertirsi.

Ma i massacri erano iniziati molto prima; si sa per esempio di Ipazia filosofa e matematica ateniese che rideva degli insegnamenti di Cristo. Il vescovo Cirillo nel 415 mandò una banda di monaci che rapirono Ipazia per strada. Fu colpita con un grosso macigno e moribonda fu trascinata di forza fino in una chiesa dove venne fatta a pezzi con tegole acute e pezzi di conchiglie. I suoi resti bruciati in un rogo creato per l’occasione.

Ovvio, ora devo circostanziare. Pensiamo ai Catari, ad esempio.

I catari furono un gruppo religioso gnostico e vegetariano di idee molto avanzate che predicava l’uguaglianza tra uomo e donna e prosperava in Provenza. Papa Innocenzo III nel 1208 decise che andavano sterminati.
Indisse una vera e propria crociata contro questo movimento. Un esercito guidato da Simone da Monfort assediò città per città le roccaforti catare massacrando nel complesso 20.000 persone. Famosa è la risposta del legato papale Arnaud Amaury, interrogato su come si facesse a distinguere i Cattolici dai catari per evitare inutili spargimenti di sangue: Uccideteli tutti, Dio saprà riconoscere i suoi.
Amaury ricevette le congratulazioni dal Papa in persona.
La Crociata si concluse nel 1244 quando gli ultimi 211 catari che resistevano furono bruciati sul rogo. Cercate la parola Monsegur e piangete con me.

La chiesa ha d’altronde sempre avuto un feeling particolare con i ribelli.

I Papi, seguaci del povero cristo impossessatesi dello stato Pontificio repressero ogni rivolta dei poveri nel sangue. Ma gli episodi più atroci sono abbastanza recenti. Per esempio quando Napoleone fu trattenuto in Egitto i Borbonici fecero il loro ritorno a Napoli e il Cardinal Ruffo fu incaricato di reprimere le rivolte in tutto lo stato. Il suo esercito della santa fede uccise migliaia di ribelli che chiedevano la libertà.
Successivamente quando i patrioti dell’unificazione italiana entrarono nelle carceri pontificie sotto il pontificato di Pio IX c’erano alcune decine di prigionieri che vi vivevano incatenati da così lungo tempo da aver perso la vista e l’uso delle gambe. Trovarono in quei sotterranei mucchi di scheletri e di cadaveri in decomposizione (come quando i prigionieri furono liberati i campi di sterminio nazisti).

Vi furono trovati anche giocattoli di bambini morti insieme ai loro genitori.

Ricordiamo a per la cronaca che Pio IX è stato fatto santo da Giovanni Paolo II.

Boh.

At the gates and the walls of Montségur, blood on the stones of the citadel.