Ore 4:20, Blackout e Milano si spegne

blackouts are fun Creative Commons License photo credit: sandcastlematt

Bello lavorare alle 4.20 di mattina, dopo un sonnellino polifasico dalle 12 alle 3, ed ad un bel momento sentire scatenarsi l’Inferno…

Già, perché di punto in bianco Milano si spegne. Niente luce, allarmi impazziti, buio pesto. Il tempo di uscire e si nota che la luce è sparita da tutto il quartiere e non c’è modo di vedere se non ad un palmo dal naso.

E i rumori si attenuano, e al buio la notte sembra quasi bella…

Che dite? Il computer?

Beh, la luce è tornata alle 4.25 e alle 4.40 Fastweb non è ancora online con le centraline. Casa mia è sotto duplice UPS, quindi nemmeno me ne sono accorto, e la connessione in questo momento è HSDPA…

Come dite? Sono previdente? No, semplicemente mi è già successo tre estati fa di buttare il lavoro di due notti per un bel colpo di corrente. E 40 euro per un UPS sono sembrati subito una spesa ridicolmente bassa per la mia sicurezza…

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]