Non mi aspettavo dei bastardi in Nova…

Maria scrive nel suo blog di come quelli di Nòva, che ritenevo persone responsabili, si siano rivelati invece una manica di manigoldi. E sì che dovrebbero saperne qualcosa di web visto che ne vogliono parlare…

Il 13 maggio, a soli 3 giorni dopo il Wordcamp, Andrea Beggi mi chiedeva gentilmente il permesso di utilizzare una delle foto che ho scattato a Matt Mullenweg sul Duomo di Milano per un articolo su Nòva – Il Sole 24 ore. Permesso accordatogli con piacere, naturalmente, sapendo che lui avrebbe fornito, assieme alla foto, anche le informazioni necessarie per i photo credits. Peccato però che quelli di Nòva abbiano il brutto vizio di non specificare i nomi dei fotografi per le foto che pubblicano, come è risultato evidente dando una rapida sfogliata a tutto il giornale. Ho comprato, infatti, il numero 126 dell’inserto Nòva (data 22 maggio 2008), trovando a pagina 9 l’articolo di Beggi (ottimo, del resto), assieme ad un crop della foto che aveva chiesto il permesso di usare. Photo credits o photo courtesy? Niente.

Complimentoni! Pollice verso a Nòva e pollice in alto, invece, al buon Beggi, che non solamente ha citato la fonte, ma ha anche indicato il courtesy…

Ma che Beggi sia un gentiluomo non è una novità…

Autore:

No, di Uber non avete capito un c**o…

Pensavo fosse cosa assolutamente risaputa e banale da comprendere, ma una serie di chiacchierate con persone che ritengo discretamente intelligenti mi hanno fatto capire che quanto ho nella testa non è così lapalissiano come pensavo, e quindi scrivo qui, a futura memoria da nouvelle Cassandra :) Perché diamine Google ha investito Uber qualche anno fa, […]