Zero-Day di Flash attivo On the Wild

PC tune-up, Toronto, ON, Canada.JPG Creative Commons License photo credit: gruntzooki

Che Flash sia il male lo sappiamo già, ma in queste ore Symantec ha emesso un comunicato ufficiale che eleva il rischio a critico come risposta ad una infezione che ha riguardato almeno dalle 20.000 alle 200.000 pagine web nel mondo. Il malware, una versione modificata del ceppo cinese di MPack, si diffonde molto probabilmente via un mass SQL injection automatizzato.

Apparentemente si tratta, come diveco, di uno Zero Day per Macromedia Flash Player segnalato poco tempo fa e si tratta, tra l’altro, di un attacco cross-piattaforma:

The attack uses multiple layers of SWF redirection and generates URLs designed to target specific Flash version and browser combinations, supporting both Internet Explorer and Firefox

L’Incident Team di Adobe riporta il problema nel loro sito web di essere a conoscenza del problema. A quando la soluzione?

Nel frattempo, secondo Symantec, bisognerebbe:

Avoid browsing to untrustworthy sites. Consider disabling or uninstalling Flash until patches are available. Deploy script-blocking mechanisms, such as NoScript for Firefox, to explicitly prevent SWFs from loading on all but explicitly trusted sites. Temporarily** set the kill bit on CLSID d27cdb6e-ae6d-11cf-96b8-444553540000** until patches availability is confirmed.

Importante. Diffondete.

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]