Quando me*da fa rima con Fineco

Foto di M Creative Commons License photo credit: Matteo Avanzini

Vi avevo già parlato di Fineco. O meglio, di quella cosa che tanto assomiglia ad altro e che si fa chiamare Fineco.

Per rivivere l’atmosfera i nostri eroi erano rimasti alla telefonata del 12 di Giugno:

LK: Salve, vi siete persi la mia foXXXuta pratica o state giocando troppo alacremente a bukkake-squash per attivarla? Sig.na Fineco: No, sig. Flora, non si preoccupi. E’ in lavorazione e i nostro standard qualitativi ci impongono che entro 24 ore la pratica sarà evasa. Confidi in noi.

Benissimo. Confidiamo in Fineco!

Quindi attendiamo sino alla giornata odierna:

LK: Salve, avete una idea malsana delle 24 ore o da voi il tempo si è congelato perché giocavate troppo velocemente a bukkake- squash invece di attivare le pratiche e avete aperto una voragine nel continuum spazio temporale? Sig.na Fineco: No, sig. Flora, non si preoccupi. E’ in lavorazione e i nostro standard qualitativi ci impongono che entro 48 ore la pratica sarà evasa. Confidi in noi.

Ma vaffanculo, va…

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]