Ho fermato l’Iliad Tour per un mese… :(

iRex iLiad Creative Commons License photo credit: Tscherno

Faccio pubblica ammenda sul Blog per il ritardo con cui l’Iliad Tour dei grandissimi di Simplicissimus si è spostato e colgo l’occasione per raccontarvi Milano di questi giorni…

L’Iliad mi arriva in ritardo di una settimana, con un teorico “Pacco Celere 1″ che giunge con 7 giorni giusti di ritardo sui 2 teorici di consegna.

E da qui inizia l’Odissea…. per la Carità, colpa anche mia che ho fatto spedire l’Iliad dopo 10 giorni, ma il primo Pacco Celere 1 si perde nei meandri delle Poste. Solo dopo chiamate di Luigi Passerino, sant’uomo dotato di Cellulare che prova a chiamarmi nel bel mezzo del marasma che come sapete mi ha investito negli scorsi mesi.

Morale della favola torno a casa e mi ritrovo l’avviso della consegna fallita al destinatario. Riprendo in mano il tutto e provo ad andare a recuperarlo.

Peccato che il bollettino di casa dicesse ritiro da Martedì ed io, da bravo scemo, sono andato proprio Martedì. Risposta della signorina “Ma c’è scritto DA martedì. Quindi deve passare mercoledì mattina.”. Tralascio le bestemmie, me ne torno a casa e ritorno il Mercoledì. Al che, la medesima “signorina” mi dice che “non lo trovano, probabilmente non è ancora arrivato dal deposito”. Al che mi incazzo ed inizio a sbraitare. Subito interviene il “funzionario” che trattandomi da papino bonario mi dice che ora controllano. Spariscono per 15 minuti e ritornano con il pacco, dicendo che la consegna era arrivata “in quel momento”. Peccato che fossi a fianco della porta delle consegne, quella sul retro, e che in quel momento nessuno aveva scaricato.

Mi riporto a casa il pacco e con il solito Luigi Passerino, dotato di pazienza disumana, mi accingo a rispedire. Nel frattempo arriva la partenza per Porto Cervo per MG-Art e non riesco a spedire via corriere. Incarico una collaboratrice di spedirlo via Poste, cambiando l’ufficio.

Fast forward di una settimana ed il pacco non è arrivato. E nemmeno una cartolina.

Allora prendo e vado DI NUOVO alle poste centrali a cercare di rintracciarlo. orario estivo, ovviamente, quindi mi ritrovo con gli sportelli chiusi e ripasso la mattina successiva.

Ritrovo, guarda che fortuna la stessa incaricata che mi squadra con terrore e corre a ricercare il pacco. Il pacco, i dice, è nuovamente tornato indietro per mancato recapito. Glielo chiedo ed inizia il bello.

già, perché mi dice che non è nella sede centrale (guarda un po’!), ma nella sede periferica di Porta Genova, vicino a casa mia. Prendo armi e bagagli e mi reco là, per sentirmi dire che non esiste alcun tipo di pacco in giacenza là e che la signorina alle poste centrali “non sapeva cosa stava dicendo”. Ovviamente, nel frattempo, la posta centrale è chiusa, e si rimanda alla giornata successiva.

Ritorno alla posta centrale per scoprire che (no, la signorina non c’era) il pacco il giorno precedente era in giacenza centrale, ma che OGGI era in giacenza periferica. Di nuovo carambola per cercare di velocizzare ma nulla. L’unica cosa che ottengo è che Sara, l’addetta a Porta Genova, mi dice che “mi chiama lei e lo cerca”.

E, santa donna, lo fa davvero e mi dice di andarlo a ritirare a quell’ufficio non il giorno dopo (Venerdì), ma il Lunedì successivo. E, a parte le madonne, ce la faccio finalmente a riaverlo in mano di Lunedì.

Pensate che sia finita, vero? E invece viene il bello, perché passo tutto Martedì a girare tra i 4 centri DHL (chiusi per ferie) e i TNT (chiusi per ferie, anche quello in Duomo). Chiamo il centro TNT e mi dicono che non hanno l’elenco delle ferie di nessuno dei punti vendita, di provare a chiamare. I numeri, mi dicono, sono sul sito.

Nulla di fatto fino a stamattina, quando mi ricordo che MBE è anche spedizioniere. Allora passo a quello vicino a casa mia. Chiuso. A quello in Duomo. Chiuso. A quello vicino a Porta Romana. Chiuso.

I preda alla disperazione torno a casa e li chiamo tutti. Che dire? Trovo finalmente quello in Col Di Lana dove una signorina gentilissima mi dice che sono aperti. Che dire? Sto per fiondarmi la con il pacco, pagando l’assicurata più veloce che trovo…

Che belle le Poste, vero?

Scusate il ritardo e al ritorno posto il Tracking Code!

Autore: