FoolDns contro Conficker

Per FoolDns sono stati mesi di fuoco, con il servizio business finalmente online, la calca di adorabili sciamannati che compone il nostro Testing Team e più di 5000 utenti sotto la beta. Stiamo parlando di milioni di interrogazioni al giorno e siamo orgogliosi di poter affermare di avere un servizio, ormai, pronto per il passo successivo!

Ma se dobbiamo essere onesti, la principale motivazione che ci spinge ad aprire la beta a tutti è solamente Conficker: Conficker, conosciuto anche come Downup, Downadup e Fido, è un worm scoperto nell’ottobre 2008 che si diffonde sulle piattaforme Microsoft Windows. Il worm sfrutta una falla del servizio di rete di Microsoft Windows per diffondersi, rubando (tra l’altro) le password degli utenti.

Sintomi dell’infezione: * È impossibile fare aggiornamenti di Windows (Windows Update). * Windows Defender è disattivato. * La rete è congestionata: è impossibile caricare anche delle semplici pagine web. * Gli accessi ai siti relativi agli antivirus sono bloccati.

Secondo il New York Times il worm ha infettato 9 milioni di computer al 22 gennaio 2009 mentre The Guardian ha stimato in 3,5 milioni i computer colpiti. Il produttore di software antivirus F-Secure ha affermato che fino al 16 gennaio 2009 Conficker ha colpito almeno 9 milioni di computer. Si stima che Conficker sia una delle più grandi botnet create, perché il 30% dei computer con Microsoft Windows non ha ancora installato la patch rilasciata nell’ottobre del 2008.

Ma il vero problema è il 1 Aprile 2009, domani.

In questa data, infatti, dovrebbe entrare in funzione la nuova variante di Conficker, mediante auto aggiornamento. E grazie agli interventi di F-Secure e altri player del settore la lista dei domini che dovrebbero essere utilizzati per l’aggiornamento è finalmente disponibile online.

FoolDns ha deciso di integrare, nell’ambito delle manovre anti malware queste liste anche nella edizione community del servizio, completamente gratuito. Da oggi, infatti, è possibile senza bisogno di inviti registrarsi alla beta ed avere, oltre ai servizi anti profilazione e a quelli anti-advertising, anche i servizi contro il Malware e contro la proliferazione di Conficker, con oltre 40.000 domini correlati bloccati dalla nostra piattaforma. Non ci nascondiamo dietro ad un dito: lo fanno anche i nostri competitor ma vi ricordo che al contrario di loro noi abbiamo altre politiche di privacy, siamo italiani (campanilismo da CEO) e soprattutto teniamo a salvaguardare la vostra privacy.

Che dire? Unitevi alla beta e spargete la voce!

UPDATE: Conficker si è davvero attivato

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]