Vera, dove sei adesso?

E’ inutile provare a quardare al futuro senza aver padroneggiato almeno un poco il passato…

E tra tutti i brani della playlist ritorna a volte il maledetto, il maledettissimo brano di Guccini. E ritorna l’anno in cui avevo 21 anni, imbecille come pochi. Come tutti. Forse più di moltissimi altri.

E mentre Guccini al Forum di Assago cantava questa canzone ricordo distintamente di aver iniziato ad urlare. Le labbra bagnate di un pianto che era un fiume più che un rigagnolo e ho urlato tanto da perdere il fiato. Tanto da non avere più voce. finita la canzone sono caduto in ginocchio singhiozzando, capendo che una parte di me era morta. per colpa mia.

Ho ancora la forza che serve a camminare, picchiare ancora contro per non lasciarmi stare. Ho ancora quella forza che ti serve quando dici ’si comincia’. E ho ancora la forza di guardarmi attorno, misciando le parole con due pacchetti al giorno, di farmi trovar lì, da chi mi vuole, sempre nella mia camicia.”

Oggi Linkedin mi ha detto dov’è ora quella ragazza che si chiama Vera e a fine Maggio ha compiuto 31 anni come me. Se la incontrate, se la conoscete, ditele che mi dispiace. Non sono migliorato, sia chiaro, sono solamente diverso.

“Di tutti quesgli sbagli, che per un motivo o l’altro SO RIFARE”

Ditele che vorrei parlarle e chiarire una situazione che non si è mai risolta. Ma non ditele che sono il LastKnight di Mediaset e di The PirateBay. Non ditele che sono quello di The Fool o di FoolDNS. Non importa, davvero.

Ditele… che mi piacerebbe parlarle.

E che non so come contattarla. I miei contatti, voi, li sapete.

thanx.

Autore:

Non abbiamo bisogno di Scienziati Rockstar (ma di vedere la scienza)

Su “provocazione” di Yvette mi sono ritrovato stamani di fronte una citazione di Brian Greene su cui mi trovo in totale disaccordo: “When kids look up to great scientists the way they do to great musicians and actors, civilization will jump to the next level” ― Brian Greene In altre parole Greene sostiene che l’umanità […]