Gattaca è vicina

E se ti dicessero che tuo figlio o tua figlia vengono schedati alla nascita direttamente, con un test obbligatorio imposto dallo Stato con la scusa di una ricerca di malattie genetiche a fini statistici? E se questi dati, invece di essere anonimi, portassero anche il nome e cognome del neonato e fossero conservati per tempo indefinito?

Beh, sembra che sia lo standard. Almeno negli Stati Uniti.

“CNN has an interesting story about how newborn babies in the United States are routinely screened for a panel of genetic diseases. Since the testing is mandated by the government, it’s often done without the parents’ consent. However, many states store that DNA information indefinitely, and even make it available to researchers with little or no privacy safeguards. Sometimes even the names are attached! Here is information on state-by-state policies (PDF) of the handling of the DNA information.” via SlashDot

Mi sembra alquanto assurdo…

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]