Un Corso in Paranoia

troubled? a little Creative Commons License photo credit: Dawn Ashley

Che io sia paranoico è una grande verità, ma come dice qualcuno "Paranoia is a Virtue".

Spesso l'essere paranoici è sintomo di qualcosa che non va. Altrettanto spesso i Paranoici sono quelli che, guardandosi in giro, vedono le potenzialità immense delle tecnologie o degli eventi di andare storti: nel bene o nel male per essere paranoici è necessario conoscere approfonditamente uno scenario, per poi irrimediabilmente vedere dove le cose possono andare male. A volte anche MOLTO male.

E così mentre porto avanti il Progetto FoolDNS Community, cercando di dare la massima priorità alla tutela della Privacy Online a alla protezione dal tracciamento, mentre tento in ogni modo di instaurare un po' di buona Paranoia, mi ritrovo con utenti adirati perché blocchiamo i web counter, o infervorati perché blocchiamo questo o quel Click Tracker. Perché, in altre parole, facciamo esattamente il nostro lavoro.

Ma invece di scrivere lunghe, dotte (per quanto mi è possibile) e complesse dissertazioni sul perché e percome di questo o quell'altro comportamento, ho pensato di spiegare i problemi dell'anonimato e della privacy e tracciamento online tramite una serie di spezzoni video che verranno pubblicati in rigoroso ordine casuale. Il nome di questo nuovo gioco, un po' se volete l'evoluzione di Casa LastKnight, è "Un Corso in Paranoia" e sarà, ironia della sorte, pubblicato nella apposta categoria del blog e sul Canale di Youtube di questo sito.

Una serie di piccoli stacchetti, per lo più comici, per cercare di fare passare il concetto complesso ed articolato del tracciamento web, della profilazione, del behavioural advertising, andando per gradi, come ogni paranoia che si rispetti…

Eccovi il primo degli stacchetti.

Stay tuned per i prossimi e, nel frattempo, inizia ad installare FoolDNS Community (qui)!

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]