Google censura Bittorrent. Rapite un bambino…

Da qualche giorno, forse lo sapete, Google censura la parola “bittorrent”. Non solo questo, ma anche e soprattutto “how to tor”. Non è la prima parola censurata. Ci sono anche tutte quelle su Scientology. E quelle sul Falung Dafa.

Interessante i commenti della rete. E queste frasi sparse:

Google won’t autocomplete searches for “bittorrent,” but if you are interesting in learning how to kidnap someone, make meth, build a bomb, cheat on your taxes, or shoplift, they will happily autocomplete your search for you.

Quindi, se non riuscite a cercare Bittorrent potete cercare, ad esempio, variazioni. Che funzionano. Oppure imparare come rapire un bambino :) O assaltare una banca. P.S.: Visto che non si evince abbastanza sono ironico. O BigG si decide a fare le cose in via definitiva o può evitare. Questo cerchiobottismo del “faccio qualcosa giusto per” mi innervosisce un pochino…”

Autore:

Il nuovo sito di Confindustria è un colabrodo

Uno pensa che dopo anni di sicurezza informatica, dopo minchiate galattiche sparse per il mondo che dovrebbero aver insegnato qualcosa di Web Application Security, una PRIMARIA SOCIETA’ INTERNAZIONALE di sviluppo impari ad andare in bicicletta senza le rotelle. E invece no. Andate al nuovo sfavillante Sito di Confindustria… Ci siete? perfetto! La vedete la bella […]