150

Auguri, mia casa, mia compagna, madre, amica, a volte anche un po’ nemica. Auguri mia scontrosa e imprecisa amica, frivola e profonda, disinteressata ma piena di speranze. A te che sai la tua condizione, ma non ti arrendi mai. A te che speri, come me. A te che sogni, come me. Auguri a te, sempre insuperabilmente mia amata. Orgoglioso come sempre di chiamarti Patria. Orgoglioso come sempre di essere italiano.

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]