CBT, SCORM e Aerei da guerra…

Eccomi a cambiare ancora lavoro ed a passare ad un ramo completamente differente. Il bello di essere consulente è proprio questo lavoro da “cavalletta” della new economy, saltellante da un’architettura di applicazione ad un’altra… Questa volta si tratta di creare un sistema per CBT (Computer Based Training) che sia compilant con SCORM (Sharable Content Object Reference Model, il sistema sviluppato in collaborazione con il Ministero della Difesa americano per l’erogazione di contenuti E-Learning) e che sia in grado di erogare contenuti in modo statico o connesso, quindi con integrazione ad un LMS (Learning Management System). Architettura prevalentemente 3-tier e completamente ASP.NET con integrazione di Cassini per l’erogazione stand-alone… Attualmente i problemi più grandi sono dati dal parsing dei vari Manifest e Metadata di SCORM e dalla “pacchettizzazione” in tempo reale delle risorse… L’obiettivo è di creare una sorta di “TinyScorm.NET LMS” che sia in grado di utilizzare le “funzioni di base” di SCORM e di creare un ambiente user-friendly per poi procedere con la programmazione. Si dovrà discutere un poco con il committente, ma sarebbe mia idea rilasciare il Player come OpenSource sempre che la scoietà sia daccordo…

Vedremo! Nel frattempo chiunque sia addetto a SCORM o abbia interessanti implementazioni in C# si faccia vivo!

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]