Cos’è l’Open Source?

Immaginate un lungo, complesso periodo pieno zeppo di incidentali e subordinate. E assolutamente colmo di errori di ortografia. Insieme ad un mucchio di altre persone vi mettete ognuno a correggere un paio di errori di ortografia. Nel frattempo vi accorgete che alcuni dei membri del gruppo sono giornalisti e possono dire la stessa cosa in modo migliore. Così riscrivono delle parti. La frase è il software. Voi siete i developer. Il metodo è l’open source. Si, ma cos’è il closed-source, allora? Semplice: un file audio dato così come è ed in cui gli errori di ortografia non si vedono…

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]