Le basi scientifiche della NEM

La NEM è una metodologia di meditazione che ricalca fedelmente la Meditazione Trascendentale: utilizza un mantra molto simile (volendo è possibile usare lo stesso mantra utizzato nella MT degli esordi) tralasciando completamente, però, la parte spirituale e settaria che ha influito così pesantemente sulle scuole della MT. Viene inoltre a cadere il vincolo di segretezza richiesto dalla tradizionale MT in favore, al contrario, di un incitamento costante a diffondere la REM in qualunque forma e in qualunque lingua. Infine, particolare da non sottovalutare, è offerta gratuitamente contro gli oltre 3000 euro richiesti per l’insegnamento della MT. E’ proprio la sua totale conformità alle discipline della MT che ci consente di avvalerci della bibliografia relativa alla MT ed alla meditazione in genere, tanto ricca di importanti studi scientifici. Nel suo libro “The relaxation response” (HarperCollins, New York, 1975, 2000) il dott. Herbert Benson scrisse a riguardo della Meditazione Trascendentale (proceduralmente identica alla NEM):

I dati sono incontrovertibili: i praticanti evidenziano nettissimi cambiamenti fisiologici pag. 8. Una tecnica sorprendentemente semplice pag. 108. Le ricerche scientifiche su tecniche di Meditazione sono però decisamente precedenti. Le prime ricerche attendibili sono probabilmente data te 1970 ad opera dei dott. Benson e Wallace, medici della Harvard University. I loro studi rilevano rivelarono vari effetti fisiologici che indicano una netta diminuzione di stress ed ansia, confermando oggettivamente le sensazioni personali di sollievo e benessere riportate dai praticanti (cfr. Science n.167, 1970American Journal of Physiology n.221, 1971Scientific American n.226, 1972). Da quella data gli studi pubblicati cominciarono a fiorire, a mano a mano che l’interesse terapeutice verso la MT continuava ad aumentare. Successive ricerche comparative dimostrarono che le varie tecniche suddette non danno risultati uguali (Journal of Clinical Psychology n,45, 1989; Journal of Social Behavior and Personality, n.6, 1991). L’eliminazione dello stress e dell’ansia è dimostrata da una diminuzione significativa del** lattato ematico** (Le Scienze, n.45, 1972, pag.73) La più efficace risulta la TM di Maharishi (proceduralmente identica alla NEM), una tecnica semplice ma poco conosciuta. Probabile causa della sua ridotta diffusione è da attribuire al prezzo eccessivo (Circa 3000 Euro), al metodo non agevole di impararla (corso di 5-6 giorni presso un centro adeguato), nonchè alla pessima nomea dell’associazione di Maharishi tacciata in decine di stati mondiali come culto coercitivo. A partire dal 2003 grazie anche agli studi di Raymond Harrison, laureato in fisica, sono fioriti metodi alternativi che hanno rimosso la meditazione dal contesto mistico e religioso per approntare differenti metodologie più o meno valide atte ad acquisire gli stessi benefici. Sfortunatamente molti di questi validi metodi (ad esempio il Natural Stress Relief) sono caduti in un oblio di vendita porta a porta con chiari intenti da parte di realizzatore e consociati di lucrare il più possibile sul metodo pur mantenendo prezzi inferiori a quelli della Maharishi University, configurandosi come una sorta di “MT dei poveri”. Benchè gli studi scientifici tendano a riporre nella Meditazione i poteri curativi prevalentemente antalgici ed ansiolitici, questi sono in realtà un sottoprodotto dello stato mentale che si raggiunge praticando la meditazione. Durante la pratica meditativa della NEM (come anche di altre discipline meditative) infatti si riscontrano in genere tutti i sintomi di una condizione di notevole tranquillità come ad esempio: * Diminuzione del consumo di ossigeno Il controllo della respirazione infatti porta alla calma e l’immobilità diminuisce il fabbisogno di ossigeno de corpo. Il respiro viene dunque rallentato e il consumo di ossigeno cala normalmente del 16% (contro l’8% dello stato di sonno). * Diminuzione del ritmo cardiaco Il ridotto fabbisogno di ossigeno viene “compensato” da un ridotto ritmo cardiaco, sempre favorito dalla immobilità. * L’aumento della circolazione sanguigna e dell’irrigazione dei tessuti Dovuta probabilmente ad un’adeguamento dell’organismo alla distribuzione di una quantità ridotta di ossigeno presente nel sangue. Essendo la quantità notevolmente minore è necessario distribuirla più efficacemente * Riduzione degli episodi di panico e dell’ansia Diversi studi riscontrano la diminuzione dell lattato ematico (causa tra le altre dei disturbi legati al panico) nei soggetti che praticano la meditazione * Profondo stato di rilassamento muscolare Dovuto alla migliore irrorazione sanguigna ed alla più efficace rimozione degli accumuli di acido lattico * Diminuzione dei dolori articolari e muscolari Spesso i dolori articolari e muscolari sono dovuti in tutto o in parte alla contrazione muscolare volontaria o meno che viene naturamente ridotta dal rilassamento * Diminuzione della pressione sanguigna in contesti di ipertensione Gli effetti che si notano su una persona sana sono ovviamente maggiori se rapportati ad una persona con problemi di ipertensione

Studi “di parte” hanno inoltre dimostrato, anche se sono fonti di acerrimi dibattiti, la produzione di serotonina durante la meditazione (con conseguenti effetti euforici o antidepressivi) oltre che la fortificazione delle difese immunitarie (probabilmente dovute ancora una volta alla migliore circolazione). Come è possibile notare gran parte delle virtù “miracolose” della NEM e della MT sono a tutti gli effetti semplici sottoprodotti della pratica meditativa riconducibili a due fenomeni spontanei come il minor consumo di ossigeno e la migliore circolazione sanguigna.

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]