Un due trè, Volontè

Luca Volontè Sembra che l’incompetente più famoso di’Italia in queste ultime ore si ritrovi in condizioni difficili.

No, non sto parlando del suo profilo psicologico, per quello abbiamo disperato da tempo, ma del fatto che non solo qualcuno ha creato un sito web per esprimere i suoi sogni più proibiti e nascosti, ma soprattutto MolleIndustria rimette online il simpatico gioco che il buon Volontone nostrano ha cercato in tutti i modi di censurare… Oltre al sito fake, assolutamente da non perdere, spassosissime sono le norme di utilizzo del gioco, tra cui spiccano le chicche:

(l’utilizzatore dichiara) … Di essere a conoscenza che lunghe sessioni di gioco possono, in soggetti predisposti, indurre a comportamenti aggressivi, suscitare tendenze pansessuali e cristofobiche, scatenare attacchi di epilessia, spingere a commettere omicidi di massa, nonchè danneggiare la vista.

E la ben più sottile ma sicuramente altrettanto lapidaria:

Di essere in grado di distinguere fra un contenuto satirico e un contenuto pedopornografico ancorchè “virtuale” come descritto dalla legge 38/2006.

Con cui, il povero somaro parlamentare non può nemmeno più aprire il giochino, vista la sua totale e plateale ignoranza

Per tornare un secondo alle cose serie segnalo invece l’ottimo articolo del sempre competentissimo e chiaro Rebus apparso online su Carmilla. Un must da leggere assolutamente.

Autore:

Le università italiane passano al cloud. Con quali garanzie?

Oggi grazie a Yanfry scopro una conversazione interessantissima sulla mailing list di Nexa a firma del Prof.Luciano Paccagnella, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali nel Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino: gli atenei italiani e tra I primi Torino stanno dismettendo i loro servizi di posta elettronica migrando su Gmail (ma […]