Franzoni…

Lego People Creative Commons License photo credit: Joe Shlabotnik

Non so, ma a me questo non sembra giornalismo. Non riesco a capire dove voglia andare a parare.

Mettiamola così: da OGGI Anna Maria Franzoni non è più innocente fino a prova contraria. E’ COLPEVOLE fino a prova contraria.

Che è un concetto un po’ differente. Ora possiamo confidare in altre pronunce, possiamo apprezzare il lato umano, ma sinceramente un altricolo così di parte e melenso o è stato finanziato dai difensori o proprio non mi spiego come possa essere proposto in un’ottica di informazione. Così come nell’arringa, anche nel corso della controreplica, per spiegare alcuni comportamenti di Annamaria Franzoni, l’avvocato ha fatto riferimento alla sua personale condizione di donna e di madre. In particolare, in riferimento al presunto lapsus della Franzoni nel corso di una telefonata in cui disse «cosa mi è successo?» corretto un attimo dopo in «cosa gli è successo?»

Non è necessario, vero, che vi ricordi COME è stato ucciso, vero?

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]