Thermorectal Cryptanalysis

10551088108010821086108jd9

L’altro ieri parlavo appunto di crittanalisi e citavo la “crittanalisi termorettale” come nome russo. Mi ricordavo come fosse il gergo tecnico russo per quella che invece in inglese è chiamata “rubber-hose cryptanalysis“, definita come:

the rubber-hose technique of cryptanalysis. (in which a rubber hose is applied forcefully and frequently to the soles of the feet until the key to the cryptosystem is discovered, a process that can take a surprisingly short time and is quite computationally inexpensive)

Nella fattispecie:

The Russian technique is “thermorectal cryptanalysis” (“терморектальный криптоанализ”), coercion by putting a soldering iron into the anus.

e mi sono meravigliato di questa serendipity con Matteo che ne parla nel suo blog, tra l’altro citando la nota striscia di XKCD

Fa seriamente pensare alla necessità di plausible deniability, non credete?

Autore:

No, il terrorismo non c’entra con la sorveglianza di massa

E non lo dico io, lo dice Nils Muižnieks, Commissario ai Diritti Umani del Consiglio Europeo che si pronuncia in modo perentorio affermando che: The “secret, massive and indiscriminate” surveillance conducted by intelligence services and disclosed by the former US intelligence contractor Edward Snowden cannot be justified by the fight against terrorism, the most senior […]