Thermorectal Cryptanalysis

10551088108010821086108jd9

L’altro ieri parlavo appunto di crittanalisi e citavo la “crittanalisi termorettale” come nome russo. Mi ricordavo come fosse il gergo tecnico russo per quella che invece in inglese è chiamata “rubber-hose cryptanalysis“, definita come:

the rubber-hose technique of cryptanalysis. (in which a rubber hose is applied forcefully and frequently to the soles of the feet until the key to the cryptosystem is discovered, a process that can take a surprisingly short time and is quite computationally inexpensive)

Nella fattispecie:

The Russian technique is “thermorectal cryptanalysis” (“терморектальный криптоанализ”), coercion by putting a soldering iron into the anus.

e mi sono meravigliato di questa serendipity con Matteo che ne parla nel suo blog, tra l’altro citando la nota striscia di XKCD

Fa seriamente pensare alla necessità di plausible deniability, non credete?

Autore:

Bloccare i siti non fa diminuire la pirateria. Forse.

In questi giorni sia Fulvio che Stefano hanno prodotto copiosa quantità di parole in merito ad un paper accademico pubblicato dal Institute for Prospective Technological Studies del Joint Research Center della Comunità europea che racconta come l’inibizione del sito tedesco di streaming illegale kino.to, che raccoglieva decine di migliaia di link a film illegali, non […]