Papà, posso avere un pene più grosso?

Quando vi chiedete cosa vedono i vostri figli Online forse è giunto il momento di pensare anche a che pubblicità vedono. Quella che segue NON è una immagine manipolata, ma uno screenshot di un utente di Reddit:

Il messaggio su reddit recita più o meno così:

Mia figlia di 6 anni stava navigando sul suo sito preferito di giochi online per bambini quando ad un tratto è venuta da me e mi ha chiesto come avere un pene più grande…

E non è il peggio che si trova online, se si considera che poco meno di un mese fa proprio Telefono Arcobaleno segnalava la massiccia presenza di pubblitità di aziende leader italiane sui siti Pedopornografici.

Chi si occupa del marketing di un’azienda deve sapere dove va a finire la sua pubblicità in Internet? Io ritengo di sì. I tecnici informatici di Telefono Arcobaleno hanno scoperto all’inizio di questa settiman cinque siti che in realtà erano porte d’accesso ‘backdoor’ oltre le quali si apriva una galassia intera di siti di contenuto pedopornografico. In due giorni avevano registrato 150 mila contatti. Non sono stati i 75 mila contatti quotidiani a stupirmi, no. E’ stata un’altra notizia: in ognuno dei siti erano visibili i banner pubblicitari di alcune note aziende italiane. Telefono Arcobaleno le sta contattando in privato.

Che dire? Che forse è ora di responsabilizzare la pubblicità? O forse, nel frattempo, è meglio eliminarla con FoolDNS?

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]