L’anonimato e l’autorevolezza di Vecna

Di Vecna avevo già detto precedentemente qualcosina. E quando si mette a scrivere, signori, è meglio prepararsi una mezz’oretta, una tazza di the e leggere attentamente quello che ha da dire:

Basta scrivere cose già scritte meglio da altri: i frammenti che seguono sono tratti da varie fonti e compongono un disegno più o meno simile a quello che ho in mente, per scindere l’anonimato e l’autorevolezza in due elementi indipendenti tra loro. Analisi necessaria se si ambisce ad una forma di divulgazione che pur rimanendo anonima possa essere, autorevole e non influenzabile dalla casta di big player della stampa.

A voi l’intero post. Buona lettura.

Autore:

Le applicazioni mediche e la privacy? Il Garante non è per nulla convinto

Secondo il Garante italiano serve più trasparenza nell’uso dei dati degli utenti che scaricano app mediche in Italia. I risultati dell’indagine, avviata a maggio dal Garante Privacy per verificare il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati da parte di applicazioni che utilizzano dati sanitari, mostrano come anche nel nostro Paese gli utenti non siano […]